Stampa | Chiudi

» RIOLO-MARIN LEADER DELLA 1°TAPPA ALLA 89°TARGA FLORIO

Un testacoda sulla prima prova odierna ha costretto l’equipaggio Ateneo ad una pronta rimanta chiudendo la giornata saldamente al comando con  la Renault Clio S1600 del Team D’Ambra.

Totò Riolo e Maurizio Marin su Renault Clio S1600 sono primi nella classifica della 89^ Traga Florio dopo la prima tappa.
Sul primo passaggio della prova “Targa” di 17,94 Km, il cerdese ha lasciato una quindicina di secondi sui tornantini di Sclafani a causa di un testacoda, costato la prima posizione. I portacolori Ateneo e testimonial del Comune di Cerda e della Provincia Regionale di Palermo, hanno subito risposto vincendo la lunga prova successva “Polizzi – Collesano” di 21,60 Km, riportandosi al comando con un cospicuo vantaggio sui diretti inseguitori.
Quarto tempo per i leader sul terzo crono della giornata e secondo passaggio sulla “Targa”, dove la Clio ha mostrato delle difficoltà in inserimento sulle strette curve, confermato dal vantaggio registrato all’intertempo sul tratto più largo.
Terza prestazione dei campioni italiani rally autostoriche sulla 6^ e conclusiva prova, il 2° passaggio sulla “Polizzi – Collesano”, i quali hanno continuato ad amministrare il loro vantaggio sul percorso più veloce ed agevole per la vettura francese.
-“Stiamo familiarizzando sempre di più con la Clio, purtroppo abbiamo lasciato tempo prezioso sul primo crono. Ci dispiace per la foratura occorsa a Vara con il quale avevamo iniziato un avvincente duello” – ha commentato Riolo al parco assistenza, mentre il Team D’Ambra effettuava i controlli di routine sulla vettura, con alcune variazioni d’assetto suggerite dal pilota.
Domani domenica 13 novembre sono previste altre 4 prove speciali, due passaggi rispettivamente sulla “Lascari” (Km 9,96) e sulla “Santa Lucia” (20,98) prima del traguardo, previsto per le 15 nella Piazza Duomo di Cefalù.

Classifica dei primi 10 della 1^ Tappa:

1. Riolo – Marin, Renault Clio S1600, in 1h.07’26”5
2. Guagliardo – Consiglio, Renault Clio S1600, a 59”9
3. Mogavero – Arcidiacono, Citroen C2 S1600, a 1’08”8
4. Griotti – Guzzi, Citroen C2 S1600, a 2’01’
5. Peduzzi – Migliore, Mitsubishi Lancer EVO VIII, a 2’05”7
6. Vara – Mogavero, Reanult Clio S1600, a 3’53”2
7. Giardina – D’Anna, Renault Clio Wlms, a 4’21”7
8. Cassata – Lusco, Renault Clio RS, a 4’29”9
9. Alessi – Marchia, Renault Clio Wlms, a 4’30”5
10 Mazzola – Giannone, Peugeot 306, a 5’48”2.



ESSELLE COMPETITION NELLA TOP TEN AL TERMINE DELLA 1°TAPPA

Mazzola – Giannone su Peugeot 306 occupano la 10^ posizione assoluta e 3^ di gruppo A. Purpura su Honda Civic è 2° di classe N3. Un semiasse tradisce Simone Li fonti su Clio RS.

Esselle Competition Group protagonista della prima tappa della 89^ Targa Florio, durante la quale i palermitani della One Racing di San Giuseppe Jato Antonino Mazzola e Giacomo Giannone su Peugeot 306 di gruppo A, hanno chiuso la prima tappa della 89^ Targa Florio in decima posizione assoluta ed al 3° posto di classe. Il pilota di Villabate ed il navigatore palermitano che partecipa alla sua Targa Florio N° 23, hanno disputato una prima parte di gara interamente in attacco a partire dalle scivolose prove notturne.
A ridosso dei migliori 10 in classifica, ha chiuso la tappa il palermitano testimonial Erg, Pietro Purpura su Honda Civic Type – R, sulla quale lo naviga Vincenzo Mannina, con regolazioni che si sono rivelate adatte alla prima giornata di gara. Nella stessa classe sono provvisoriamente terzi Maurizio Terracchio e Cosimo Li Greci su Renault Clio Williams.
Piazza d’onore provvisoria nella classe fino a 1400 cc. del gruppo N per Massimiliano Di Salvo ed Andrea Milone.
Nella difficile classe fino a 2000cc. del gruppo A, un sempre più deciso corleonese Marcus Salemi, navigato dall’esperto Franco Cardella su Renault Clio Williams curata da Cutrera, ha ultimato la tappa odierna al 5° posto.
In classe A5 il palermitano Vincenzo Drago ed il nisseno Fabio Nugara su Peugeot 106 Rallye, occupano la 10^ posizione.
Simone Li Fonti e la moglie Anna Vasco, hanno dovuto abbandonare una brillante gara, dopo la 5^ prova per la rottura di un semiasse sulla Renault Clio RS, a causa di un taglio troppo deciso.
Ritiro anche per Giovanni Li Fonti e Maurizio Corso su Fiat Stilo Abarth sulla 1^ PS per noie elettriche; Vincent Mazzola e Loredana Misuraca su Peugeot 106 1.6 16V sulla PS 3, per la rottura del semiasse; Giovanni Lo Baido – Alessandro Arcabascio sulla PS 4.


DOPO LA 1°TAPPA DIMEZZATA LA PRESENZA DEL MESSINA RACING

Il peloritano Sergio Denaro ancora in gara al quinto posto in N2, la rottura del cambio tradisce l’Opel Calibra di Amendolia.

Solo il peloritano Sergio Denaro navigato da Francesco Ferrante su Peugeot 106 1,6 è rimasto in corsa per la seconda ed ultima tappa della 89^ Targa Florio, prova valida per la Coppa europea rally organizzata dall’Automobile club Palermo. La sua quinta posizione in classe N2 non esprime il vero rendimento mostrato dalla coppia del Messina racing team attardata da una foratura nel corso della prova speciale 4 “Polizzi-Collesano” che l’ha costretto a fermarsi per sostituirla. Un ritardo di oltre 4 minuti che ha fatto scivolare il pilota messinese, rientrato dopo un paio d’anni di assenza dalle gare, dalla quarta alla sesta posizione. “Il mio obiettivo rimane il podio della classe 1600 gruppo N, so che adesso si fa più dura ma in 55 km di prove speciali tutto può accadere”- ha dichiarato il poilota di Torre Faro.
 Amaro ritiro invece, per l’altra coppia al via della classica palermitana, coppia formata dal direttore sportivo, Mauro Amendolia, e dal navigatore Gianfranco Rapisarda. L’Opel Calibra che proprio in occasione di questa gara era stata aggiornata dal direttore tecnico Giovanni Bonafede col kit 4x4, che porta in dote oltre ottanta cavalli in più rispetto a quello precedente, avrebbe dovuto garantire al portacolori della scuderia Messina racing team una maggiore competitività nella classe oltre 2000 gruppo N affollata dai mostri Mitsubishi e Subaru. Il cambio della vettura non ha retto al ritmo di gara imposto dai concorrenti più forti cedendo sulla terza prova speciale, la “Targa”, costringendo Amendolia e Rapisarda ad alzare bandiera bianca anzitempo.   

Data: 12 nov 2005 (21:51)