EVENTI




Caricamento del calendario
in corso...


CATEGORIE

FORMULA UNO GP2 FIA GT1 WTCC GT OPEN WORLD SERIES F.RENAULT AUTO GP RALLY ITALIA FERRARI CHALLENGE TROFEO GRANTURISMO MC C.I. SUPERSTARS CAMPIONATO ITALIANO GT C.I. TURISMO ENDURANCE C.I. PROTOTIPI C.I. VELOCITą MONTAGNA CLIO CUP ITALIA EUROCUP FR 2.0 FORMULA RENAULT 2.0 ITA C.I. FORMULA 3 C.I. FORMULA ABARTH FORMULA JUNIOR MONZA KARTING ALTRE CATEGORIE ARCHIVIO

INFORACE

Regolamenti CSAI Organi Competenti Brevetti e Licenze Consigli Utili

MEDIABOX

Links motorsport Comunicati Ferrari

SERVICES

Annunci Feed Rss News sul tuo sito

> HOME > NEWS PRIMO PIANO


Archivio storico: 2002 | 2003 | 2004 | 2005 | 2006 | 2007 | 2008 | 2009 | 2010 | 2011 | 2012

SEZIONI INTERNE: NEWS | GALLERY | CALENDARIO | CLASSIFICA

» GRANDE VITTORIA DI FERNANDO ALONSO E DELLA FERRARI AL GP D'EUROPA

Ecco il quadro: Fernando Alonso parcheggia la sua F2012 nel bel mezzo della pista, di fronte a una tribuna piena di tifosi in delirio, che intonano il suo nome subito dopo che il pilota ha disteso a terra la bandiera spagnola. È un'immagine che passerà alla storia delle corse, arrivata subito dopo che il pilota della Scuderia Ferrari, con una prestazione maiuscola, ha vinto il Gran Premio d'Europa a Valencia. Questo non solo fa di lui l'unico pilota ad aver vinto due gare sulle otto disputate quest'anno, ma gli consegna anche la testa della classifica Piloti, dato che oggi i suoi due rivali più vicini nella corsa al titolo, Sebastian Vettel e Lewis Hamilton, non sono riusciti a conquistare punti. Felipe Massa ha avuto più sfortuna di quella che una persona normale si troverebbe ad affrontare in un pomeriggio, portando la sua Ferrari al 16° posto.

Quando le vetture erano schierate sulla griglia di partenza, con Alonso e Massa uno dietro l'altro all'undicesimo e tredicesimo posto, la temperatura della pista arrivava a toccare i 45 gradi. Appena le luci si sono spente, le due Ferrari hanno subito guadagnato posizioni, con Alonso che è passato all'ottavo posto e Massa all'undicesimo. Alla fine del secondo giro, il "pole man" Vettel sulla Red Bull aveva già un grande vantaggio, di 4 secondi, su Hamilton (McLaren), Grosjean (Lotus,), Kobayashi (Sauber) Maldonado (Williams) e Raikkonen (Lotus), al sesto posto. In ottava posizione, Alonso era proprio sulla scia di Hulkenberg sulla Force India, con Massa, ora decimo, a caccia del compagno di squadra del tedesco, Paul Di Resta.

Al secondo posto, Hamilton rallentava il gruppo alle sue spalle, mentre Vettel aveva aumentato il suo vantaggio a 6,8 secondi al giro numero 4. Al 7° giro, Massa provava ancora un altro attacco su Di Resta, attaccandolo anche all'esterno ma senza portare a termine la sua manovra. In realtà, il brasiliano era alle prese con una vettura non perfettamente bilanciata: dopo la gara, infatti, è stato verificato che alcuni detriti avevano danneggiato la vettura, riducendo la sua capacità di generare deportanza.
Al giro numero 10, Grosjean passava in modo deciso Hamilton portandosi al secondo posto, mentre Alonso e Massa braccavano le rispettive Force India. Button e Perez sono stati i primi a cambiare le gomme, al giro 10. Massa si fermava all'undicesimo mentre Alonso trovava finalmente un modo per passare Hulkenberg e portarsi al settimo posto. In questo momento Raikkonen superava Maldonado per il quinto posto, così il pilota venezuelano della Williams adesso era diventato il prossimo obiettivo di Alonso. Hamilton, invece, rientrava per il cambio gomme al giro 13.

Alonso superava la Williams al 14° giro mentre Raikkonen, Kobayashi, Maldonado, Hulkenberg, Ricciardo e De La Rosa si fermavano tutti per il pit stop. Fernando rientrava al giro successivo, mentre il leader della corsa, Vettel, e il secondo in classifica, Grosjean, si fermavano al giro 16. Il pilota spagnolo della Ferrari riusciva a portarsi davanti a Raikkonen e Kobayashi restando in pista un giro in più e adesso si ritrovava in un folto gruppo di vetture, molte delle quali non avevano ancora cambiato le gomme. A questo punto, era chiaro come lo spagnolo fosse più aggressivo e deciso dei suoi diretti rivali, riuscendo così a superare le vetture più lente del gruppo. Sorpassava Webber con la Red Bull all'ottavo posto al 18° giro, mentre Massa si trovava in tredicesima posizione dietro a Maldonado. 
Alonso intanto stava "volando" con le gomme Option e pochi istanti dopo superava la Mercedes di Schumacher salendo al sesto posto, con il tedesco e Webber che rientravano insieme per il pit stop.

Al 20° giro, Alonso era quinto dopo aver superato Raikkonen, mentre Di Resta era davanti a lui in quarta posizione ma doveva ancora fermarsi ai box. A questo punto, Felipe era tornato all'ottavo posto, diventato settimo poco dopo. Giro numero 21 e Alonso ha superato la Force India per il quarto posto, dietro a Vettel, che era davanti a Grosjean di quasi 20 secondi, con Hamilton in terza posizione staccato di altri 4 secondi.

Verso il 26° giro, Hulkenberg iniziava a chiudere il pilota brasiliano della Ferrari, con il gap che si era ridotto fino a 0,4 secondi. Poi è entrata la Safety Car a causa dei detriti in pista in seguito allo scontro tra Vergne e Kovalainen. Grosjean, Alonso, Raikkonen, Hamilton, Maldonado e Hulkenberg effettuavano immediatamente tutti un pit stop al 28esimo giro, un giro dopo rientrava Felipe, con il brasiliano che si è ritrovato nella condizione di perdere posizioni in classifica, mentre gli altri riuscivano a rientrare ai box senza perdere tempo, mentre la Safety Car era in pista. Da allora in poi, era chiaro che aveva una montagna da scalare. Una montagna ancora più difficile da affrontare quando, al 34° giro, è dovuto rientrare ai box dopo che Kobayashi ha tentato una mossa aggressiva per sorpassarlo, provocando il maggior numero di danni proprio alla sua vettura. In tutto oggi il brasiliano è stato costretto a fare quattro visite alla Pit Lane. 

Alonso passava con decisione le vetture più lente e si trovava al terzo posto, con la Safety Car di nuovo in pista, dietro a Vettel e Grosjean. Ma il pilota della Ferrari oggi era inarrestabile e, appena la corsa è ripresa, ha affrontato e passato la Lotus piazzandosi secondo. Poi, al 34° giro, è arrivata anche un po' di fortuna, dato che Vettel ha dovuto parcheggiare la sua Red Bull a lato pista per un problema tecnico. Non serviva guardare la gara per capire cosa fosse successo, dato che un forte applauso ha sovrastato il rumore del motore appena si è presentato sotto le tribune gremite di tifosi spagnoli.

Da allora, Alonso ha gestito il suo vantaggio fino alla bandiera a scacchi, anche se alle sue spalle la gara faceva segnare diversi episodi: Grosjean si ritirava, lasciando il secondo posto a Hamilton; ma il ritmo del pilota della McLaren scendeva a tal punto da farsi raggiungere da Maldonado, con il venezuelano che, per passarlo, spingeva l'inglese verso il muro di protezione costringendolo al ritiro. Così, a soli due giri dalla fine, Kimi Raikkonen ha ereditato il secondo posto e Michael Schumacher è arrivato terzo, salendo sul podio per la prima volta da quando è tornato allo corse nel 2010.

Fernando Alonso ora guida la classifica Piloti con 111 punti, 20 punti in più rispetto al suo rivale più vicino, Mark Webber, che oggi ha portato la sua Red Bull al quarto posto.

Così all'arrivo del GP d'Europa:

1. Fernando Alonso - Ferrari - in 1h44:16.649
2. Kimi Räikkönen - Lotus - a 6.421
3. Michael Schumacher - Mercedes - a 12.639
4. Mark Webber - Red Bull -a 13.628
5. Nico Hülkenberg - Force India - a 19.993
6. Nico Rosberg - Mercedes - a 21.176
7. Paul di Resta - Force India - a 22.866
8. Jenson Button - McLaren - a 24.653
9. Sergio Perez - Sauber - a 27.777
10. Bruno Senna - Williams - a 35.961
11. Daniel Ricciardo - Toro Rosso - a 37.041
12. Pastor Maldonado - Williams - a 54.630
13. Vitaly Petrov - Caterham - a 1:15.871
14. Heikki Kovalainen - Caterham - a 1:34.654
15. Charles Pic - Marussia - a 1:36.551
16. Felipe Massa - Ferrari - a 1 giro
17. Pedro de la Rosa - HRT - a 1 giro
18. Narain Karthikeyan - HRT - a 1 giro
Non classificati
Lewis Hamilton - McLaren - a 2 giri
Romain Grosjean - Lotus - a 17 giri
Sebastian Vettel - Red Bull - a 24 giri
Kamui Kobayashi - Sauber - a 24 giri
Jean-Eric Vergne - Toro Rosso - a 31 giri

Data: 25 giu 2012 (11:55)


SOCIAL NETWORKS & LINK SHARING: FacebookDiggdel.icio.usTwitterMySpaceLiveGoogle BookmarksTechnoratiNetvibes

Voto: 1.8/5 (72 voti)

Diminuisci dimensione font Aumenta dimensione font      Stampa Aggiungi commento

ARCHIVIO NEWS 2012

23 lug : F1 - FERNANDO ALONSO E LA ROSSA IN TRIONFO A HOCKENHEIM

08 lug : AL MISANO WORLD CIRCUIT “MARCO SIMONCELLI”  I PRIMI VERDETTI DELL’ ACI-CSAI RACING WEEKEND

25 giu : GRANDE VITTORIA DI FERNANDO ALONSO E DELLA FERRARI AL GP D'EUROPA

11 giu : CONCLUSO AL MUGELLO UN INTENSO WEEK-END DI GARE TARGATE ACI-CSAI

09 giu : ACI-CSAI RACING WEEKEND: APPUNTAMENTO AL MUGELLO CON I CAMPIONATI ITALIANI

08 giu : DA MONTREAL ALL'EMILIA ROMAGNA: FERRARI LANCIA UN MESSAGGIO AL MONDO

27 mag : C.I. VELOCITA' MONTAGNA - MICHELE CAMARLINGHI S'IMPONE ALLA 43^ VERZEGNIS - SELLA CHIANZUTAN

21 mag : CAMPIONATO ITALIANO RALLY - PAOLO ANDREUCCI E ANNA ANDREUSSI (PEUGEOT 207 S2000) S'IMPONGONO AL 19°RALLY ADRIATICO

11 mag : 25 ORE DI MAGIONE - AL VIA  LA ENERGY SAVING RACE

07 mag : A MODENA LA GRANDE MOSTRA "GILLES VILLENEUVE, UN UOMO NELLA LEGGENDA"

07 mag : CONCLUSO IL TERZO ACI-CSAI RACING WEEK-END: A VALLELUNGA AVVINCENTI DUELLI SUL BAGNATO

05 mag : ENTRANO NEL VIVO  A VALLELUNGA LE SFIDE DEI CAMPIONATI ITALIANI GRAN TURISMO E TURISMO ENDURANCE

29 apr : PROTOTIPI, ITALIAN RADICAL TROPHY E TROFEO ABARTH ITALIA: CONCLUSO A VARANO UN INTENSO WEEKEND DI GARE

26 apr : AL "RICCARDO PALETTI" DI VARANO IL SECONDO ACI-CSAI RACING WEEKEND 2012

21 apr : VITTORIA DI GIANDOMENICO BASSO E MITIA DOTTA (FORD FIESTA S2000 RCC) AL 36°RALLY 1000 MIGLIA

19 apr : A BRESCIA IL VIA DEL 36esimo RALLY 1000 MIGLIA

13 apr : LA FERRARI IN CINA DA 20 ANNI - A SHANGHAI UN'ESPOSIZIONE PERMANENTE E UN'EDIZIONE SPECIALE DELLA 458 ITALIA

03 feb : PRESENTATA LA F2012, CINQUANTOTTESIMA MONOPOSTO FERRARI

CALENDARIO 2018

Nessuna gara presente nel calendario per questo anno

Visualizza il calendario