Stampa | Chiudi

» DE CECCO (PEUGEOT 207) VINCE LA COPPA ITALIA 2009

Il friulano De Cecco si è aggiudicato il titolo piazzandosi 3° nel 24°Rally di Proserpina vinta dal nisseno Lombardo sulla S1600. Runfola su Renault Clio R3 secondo sul podio e primo tra i finalisti. Laganà vince il gruppo N con la Mitsubishi Lancer e Lucrezio il gruppo A su Renault Clio. Emozioni e colpi di scena alla gara ennese seconda finale nazionale.

Il 24° Rally di Proserpina è stato un susseguirsi di intense emozioni e sfide sul filo dei decimi di secondo, nel quale nulla è stato scontato fino al traguardo di Pergusa.
Il friulano Claudio De Cecco navigato dal corregionale Alberto Barigelli sulla Peugeot 207 S2000 della Friulmotor ha vinto la Coppa Italia 2009 grazie alla terza piazza assoluta nella gara ennese, che ha fatto seguito al successo ottenuto ai Taormina-Messina, sempre tra i pretendenti al titolo nazionale. De Cecco, vincitore delle PS 6 e PS 8, ha potuto così conquistare la Coppa Italia dopo che lo scorso anno gli era sfuggita per poco –“In Sicilia abbiamo affrontato due gare difficili anche se molto belle – ha detto all’arrivo De Cecco – oggi è stata particolarmente dura, dopo le prime battute abbiamo capito che dovevamo attaccare più a fondo per non farci sfuggire il titolo”-.

Il 24° Rally di Proserpina è stato vinto dai nisseni Roberto Lombardo ed Alessio Dario Spiteri sulla Renault Clio S1600 della BR Sport, reduci dal successo in una gara di casa della scorsa settimana. Lombardo ha vinto le prove 1 e 7 speciali e duramente lottato per l’intera gara con il giovane cefaludese Marco Runfola su Renault Clio R3, vincitore di due prove e con il corleonese Franco Vintaloro su Mitsubishi Lancer EVO X, migliore in tre crono, passato in testa dopo la 4^ prova, ma poi nuovamente sopravanzato dal vincitore. Così a quattro dalla vetta, secondi sul podio e primi finalisti alla gara siciliana, sono stati i cefaludesi Marco Runfola e Marco Pollicino sulla Renault Clio R3 del Team SAB Motorsport. Quarti i bravi corleonesi Franco Vintaloro e Pai Riggio sulla Mitsubishi Lancer EVO X, che si sono aggiudicati il successo di gruppo N in gara ed hanno vinto le PS 3, 4 e 9, a cui è sfuggito il podio per poco più di due secondi.

Colpo di scena sulla penultima prova speciale quando i messinesi Carmelo Molica e Tino Piuntaudi su Renault Clio S1600, in quel momento quinti, sono usciti di strada girandosi e toccando un terrapieno. Impossibile per l’equipaggio della Tirreno Corse rimettere la vettura in carreggiata, lasciando così via libera verso il successo tra le due ruote motrici di Coppa Italia alla Renault Clio S1600 – Ferrara Motors dei nisseni Michelangelo Alessi ed Antonio Marchica, che hanno concluso la corsa in settima posizione, preceduti dai locali Domenico Ruggero, per la prima volta su Renault Clio S1600 e Davide Caruso molto a suo agio sulla Renault Clio R3. In ottava posizione il barese vincitore del gruppo N Franco Laganà, navigato da Roberto Clavarino sulla Mitsubishi Lancer EVO X della Vomero Racing, secondo in classifica di coppa Italia alla fine, ma privato di miglior successo da noie al cambio ad inizio giornata e poi da una foratura sulla P.S. 5.

Nona posizione per il calatino Maurizio Ciffo sulla Subaru Impreza Sti, mentre a completare la top ten è stato il nisseno Giuseppe Frattalemi vincitore della combattuta classe N2 con la Peugeot 10 1.6 16V, di cui hanno vinto la classifica di Coppa Italia I palermitani Nastasi e Stassi anche loro su Peugeot 106 1.6 16V. Il pugliese Rodolfo Lucrezio è riuscito ad imporsi in gruppo a con la Renault Clio RS, grazie alla seconda posizione tra i finalisti, alle spalle del palermitano Pellitteri su vettura uguale.

Tra i principali ritiri, oltre a quelli già citati, si sono registrati quello del piemontese Enrico Riccardi sul 1° crono per uscita di strada con la sua Subaru Impreza N14, sulla prima prova di questa mattina, la 2^ del rally, ha abbandonato il milanese di Trento Elio Minetti uscito di strada con la Mitsubishi Lancer EVO IX, dopo la prova ha riconsegnato la tabella di marcia per il mancato feeling con l’assetto della Mtsubishi Lancer EVO IX. Abbandono sulla PS 7 anche per il locale La Barbera a causa del cedimento del cambio sulla Mitsubsihi Lancer, mentre era in 7^ posizione.

Classifica dei primi 10:

1. Roberto Lombardo – Alessio Dario Spiteri (Renault Clio S1600) in 1.03’05”9
2. Runfola – Pollicino (Renault Clio R3), a 4”0
3. De Cecco – Barigelli (Peugeot 207 S2000) a 27”6
4. Vintaloro – Riggio (Mitsubishi Lancer EVO X) a 29”7
5. Ruggero – Panvino (Renault Clio S1600) a 1’21”6
6. Caruso – Anicito (Renault Clio R3) a 1’43”7
7. Alessi – Marchica (Renault Clio S1600) a 2’33”7
8. Laganà – Clavarino (Mitsubishi Lancer EVO X) a 3’20”0
9. Ciffo – “Red Devil” (Subaru Impreza Sti) a 3’34”3
10. Frattalemi – Guttadauro (Peugeot 106 1.616V) a 4’16”9

Classifica ufficiosa Coppa Italia: 1. De Cecco (Peugeot 207) p. 18; 2. Laganà (Mitsubishi Lancer EVO X), p. 11; Molica (Renault Clio S1600), p. 8; 3. Runfola (Renault Clio R3), p. 10; 4.Alessi (Renault Clio S1600), p. 9; 5. Riccardi (Subaru Impreza N14), p. 5; 5. Mazza (Renault Clio RS) e D’Alto (Grande Punto Abarth), p. 4.

Data: 30 nov 2009 (15:53)